Forse non tutti lo sanno, soprattutto se non vivono su 4 ruote come noi ogni giorno, ma i disabili che vanno in vacanza in campeggio sono tanti, tantissimi. Così abbiamo pensato di andare la scorsa settimana al Salone del Camper di Parma per vedere se finalmente anche i produttori si sono accorti di noi e iniziano a muoversi verso di noi. Che poi loro hanno anche, se vogliono le 4 ruote motrici, mica come noi. Sorpresa. Non solo ormai quasi tutti i camper sono attrezzabili per disabili, ma esiste anche un camper con pedana elettrica montata ed era ben esposto allo stand dalla Blu Camp

Perché andare in vacanza in campeggio

Me lo chiedevo anche io in realtà. Poi ho scoperto, da vecchia campeggiatrice, la nostalgia del mangiare quando voglio e come voglio, del poter stare in mutande se mi va, senza dovermi vestire in modo particolare per andare a pranzo. Sembrano cose da poco, ma dover girare per alberghi, cosa che faccio regolarmente per lavoro e non da 5 anni, dovendo cambiarmi per andare a pranzo, per fare colazione, per cenare, è fatica. Soprattutto se si parla di mare. Sabbia e salsedine implicano una doccia, quindi spostamento sedia, doccia, sedia. E poi scendere a pranzo, poi rimettersi il costume, poi rifare sedia, doccia, sedia e scendere a cena. No. Da ora al mare si va solo in campeggio. Come quando ero piccola. Si tornava dalla spiaggia in costume e si pranzava. Poi si tornava in spiaggia. Altro motivo per andare in vacanza in campeggio, e con il camper, è la possibilità di dormire dove vuoi. Non devi perdere ore a cercare un hotel che sia vicino alla spiaggia (se sei al mare) attrezzata, che abbia tutto quello che ti serve. Ci sono decine, centinaia di campeggi attrezzati ovunque. E con il camper attrezzato ora non serve più nemmeno quello volendo.

Il camper attrezzato Blu Camper: la rivoluzione

Almeno per me, sì, è una rivoluzione. C’è una differenza enorme tra il farsi caricare sul camper aiutandosi con le braccia e poter muoversi liberamente con la propria sedia dal bagno alla cucina al posto guida. Dite di no? Provate. Provate a usare anche solo un sollevatore, ne ho provato uno anche io al Salone, ma ve ne parlerò con calma, e poi provate a salire su questo camper della Blu Camp con la vostra sedia a rotelle manuale (la pedana purtroppo non è adatta alle sedie a motore, che sono pesantissime). La differenza è enorme. Su questo camper ero a casa. Ho un letto spazioso in cui riesco a mettermi facilmente. Ho un bagno attrezzato con i maniglioni e la doccia (la doccia!). La cucina ha un piccolo rientro in modo che io possa avvicinarmi di più al piano cottura e cucinare, cosa che non ho nemmeno a casa mia. Ecco, ho fatto un video per mostrarvi cosa vuol dire muoversi su questo camper. Perché ero certa che rendessero di più le immagini delle mie parole. Quindi giudicate voi.

Questo invece è l’interno. Vedete che riesco a muovermi con tutta la mia sedia a rotelle

Ecco qua. Ora non mi resta che provarlo per qualche giorno e vedere come ci si sta in movimento. E succederà presto presto, non sapete quanto. Intanto godetevi le foto dell’interno e degli spazi.

Share This: